AltroSud, il Blog/Shock di Francesco Caruso, scosse di defribillazione scritta per far riprendere i cuori a battere e le menti a pensare


il 10 gennaio parto per Gaza, tentiamo di rompere l’assedio. Aiutaci

Il 10 gennaio salperemo da Cipro con una nave carica di aiuti umanitari e cercheremo di raggiungere la Striscia di Gaza, dove speriamo di attraccare il giorno seguente.
Sulla nave siamo all’incirca una trentina di attivisti, giornalisti e medici di diversi paesi europei.
“Freegaza” è il coordinamento di attivisti per i diritti umani che periodicamente organizza l’invio di queste navi per tentare di rompere l’assedio di Gaza.
Se in altre occasioni si è riusciti a violare il blocco navale, in questo momento particolamente drammatico, c’è il timore di non riuscire a portare a compimento la missione: del resto, durante l’ultima spedizione, il 31 dicembre, la nave “Dignity” venne attacata e speronata dalla marina israeliana in acque internazionali, malgrado le comunicazioni preventive anche alle autorità israeliane, circa il carattere umanitario della missione.

Il mio compito è cercare di mantere i riflettori accesi su questa missione, l’attenzione internazionale può essere l’unico modesto deterrente contro eventuali attacchi militari alla missione umanitaria.
Essenso l’unico italiano a bordo, vi chiedo a tutti una mano, in particolare a far circolare le notizie riguardanti la missione di pace che ci apprestiamo a portare avanti.
In particolare se ci sono persone disponibili in “real Time” a tradurre dall’inglese i comunicati e le altre informazioni (a partire dai documenti qui segnalati), reperibili comunque in modo aggiornato sul sito http://www.freegaza.org

Per quanto riguarda eventuali aiuti da inviare a Gaza, mi hanno già “caricato” sulle spalle 20 kg. di medicine e materiale sanitario, per cui non posso portarne altro arrivando a Cipro in aereo.
L’unica possibilità in questo caso è l’invio di denaro, in modo da reperire a Cipro direttamente il materiale di cui necessitano a Gaza, ma visti i tempi particolarmente brevi, posso mettere a disposizione soltanto la mia postpay (4023600471293375) perchè qualsiasi altro metodo richiederebbe troppo tempo.
in ogni caso potete fare sottoscrizioni direttamente sul sito di freegaza http://www.freegaza.org/en/donate

tutte le info comunque le trovate sul sito http://www.freegaza.org

Stiamo ritornando e stiamo avvisando Israele

Larnaca, Cipro – Oggi il Free Gaza Movement ha notificato ad Israele
che stiamo per inviare un’altra imbarcazione di emergenza a Gaza.
Daremo notizia della nostra esatta data e orario di partenza e della
rotta che seguiremo nei prossimi giorni. Partiremo dalle acque
cipriote, navigheremo in acque internazionali e poi direttamente nelle
acque territoriali di Gaza, mai vicino alle acque israeliane.

I continui attacchi israeliani alla striscia di Gaza hanno ucciso
oltre 640 Palestinesi, compresi molti bambini e donne, e causato
migliaia di feriti. Questi atti di Israele costituiscono gravi e
massicce violazioni degli obblighi umanitari internazionali definiti
dalle Convenzioni di Ginevra, sia rispetto agli obblighi di una forza
di occupazione che per quanto imposto delle leggi di guerra. Le
Nazioni Unite non sono riuscito a proteggere la popolazione civile
palestinese dalle massicce violazioni di Israele agli obblighi
umanitari internazionali. Di conseguenza, abbiamo coinvolto cittadini
dal Belgio, Colombia, Francia, Canada, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda,
Giordania, Kuwait, Scozia, Spagna e Stati Uniti, ritenendo che sia
nostro preciso dovere morale provare a farlo.

I militari israeliani hanno violentemente attaccato un recente
tentativo del Free Gaza Mobement di inviare un’imbarcazione di
emergenza carica di medici e di rifornimenti medici a Gaza. Nelle
prime ore di martedì 30 dicembre, la Marina Israeliana ha speronato la
nostra imbarcazione, la DIGNITY, in acque internazionali. Nè la
DIGNITY, nè i relativi passeggeri ed equipaggio avevano mai costituito
una qualsiasi genere di minaccia per Israele ed il governo israeliano
era stato avvisato della missione il giorno precedente. Nonostate cio’
siamo stati violentemente speronati tre volte, senza alcun preavviso,
dalla Marina Israeliana, con l’evidente intenzione di rendere
inservibile l’imbarcazione, mettendo a rischio le vite dei 16
passeggeri a bordo.

Non siamo intimoriti ne’ trattenuti dalla violenza dei militari
israeliani e intendiamo navigare ancora verso Gaza.
Siamo medici, giornalisti, parlamentari ed osservatori dei diritti
umani che intendono raggiungere la gente di Gaza per portare loro
l’aiuto medico tanto necessario e per testimoniare le atrocità che là
sono commesse contro i Palestinesi.

Siamo disposti a mettere i nostri corpi in prima linea per fermare gli
illegali massacri israeliani della gente palestinese (abbiamo ricevuto
le minacce di morte che ci avvertono di non ripetere il nostro
tentativo) e portare all’attenzione del mondo i crimini di guerra che
accadono a Gaza contro 1.5 milioni di Palestinesi.

Free Gaza Movement

Annunci

5 commenti so far
Lascia un commento

Ognuno di noi deve coltivare un hobby, il mio pallino, ad esempio, sono gli alberi.
Amo indefessamente le foreste.
E i gatti, trovo che i gatti siano la massima espressione di eleganza e dignitá.
Non chiedermi se metto queste due cose al di sopra dei tuoi protetti, non c´é domanda piú stupida che quella di cui si conosce giá la risposta.

5,5 litri di gasolio al giorno per persona… quasi il doppio degli americani… ma te che li conosci, mi sai dire che cavolo ci fanno? hanno un metabolismo tale per cui possono bere la nafta cosí com´é?

Commento di kizoushaidan

Ah, una parolina di cautela:
I puffolotti non sono particolarmente pericolosi, se vi pigliano vi portano a TLV, forse vi tirano due ceffoni allo scopo di non offendere la vostra professionalitá e poi vi mandano a casa.

Se decidono che é piú utile alla loro strategia lasciarvi attraccare e scaricare… vi consiglio un minimo di attenzione, gli al fatahnikkim in questo momento contano come il due di bastoni nel monopoli, invece gli hamasnikkim… si tirano le seghe fantasticando sull´opportunitá di ammanettare un paffuto ISM (ma anche se é atletico va bene) su un probabile obbiettivo dei bombardamenti.

Commento di kizoushaidan

Ma non vorrei spaventarvi oltre misura, al momento il conteggio delle morti violente fra i volontari stranieri nei territori é a 3.
Sostanzialmente cambiare una lampadina é un centinaio di volte piú pericoloso.

Commento di kizoushaidan

“invece gli hamasnikkim… si tirano le seghe fantasticando sull´opportunitá di ammanettare un paffuto ISM (ma anche se é atletico va bene) su un probabile obbiettivo dei bombardamenti.”
… e io dico che c’è il rischio che niente farebbe felici i vostri “amici” in Italia come la vostra morte ad opera della c.d. “puffolotteria” 😉
che tristezza….

Commento di Aglaja

Ho visto sul suo blog che il tigher sta nel punto di collezione dell´ospedale al quds.
Buon per lui, al momento é il posto piú sicuro in cittá, comunque la segnalazione di stoptheism arriva da tale “franco londei”
Ho notato che il tigher sa che il server sarebbe situato in canada, cosa che mi pare di non aver detto.
Quindi, ti consiglio, se puoi comunicare con lui, di fargli notare questa pagina web.

http://primoprotocollo.altervista.org/index.php/sospetti/63-indiscreto.html

In generale a gaza non ci sono pericoli reali nei punti di collezione, ma ancora non ho idea di chi possa essere il responsabile amministrativo di stoptheism.com

Fate attenzione, il vostro eventuale decesso porterá solo atti di vandalismo in un´europa che si sta compaginando contro i perturbatori dell´ordine costituito.
Assicuratevi di risolvere situazioni di reale pericolo per il prossimo, se dovete uscire dai punti di collezione.

A proposito, é significativo che il tigher vada a dormire in un punto di collezione suggerito dall´esercito israeliano…
se fossi li e credessi in quello che dice non ci andrei mai.

Commento di kizoushaidan




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: