AltroSud, il Blog/Shock di Francesco Caruso, scosse di defribillazione scritta per far riprendere i cuori a battere e le menti a pensare


BREVI RIFLESSIONI DAL TETTO DEL PROVVEDITORATO OCCUPATO DALLE PRECARIE SANNITE
settembre 4, 2009, 6:40 PM
Filed under: Uncategorized

[Dopo 6 giorni di presidio h.24, finalmente trovo il tempo per scrivere qualcosa].
Le forche caudine, quel dolce valico che segna la frontiera naturale del Sannio, per molti anni ha rappresentato una frontiera invalicabile per il conflitto e le lotte sociali.
Il profilo dei due personaggi più famosi che questa terra ha partorito già aiutano a capire il contesto culturale nel quale ci muoviamo: Padre Pio e Clemente Mastella. Un brodo culturale insipido e indigesto, con i suoi malefici ingredienti di clientelismo e parassitismo politico che favoriscono la rassegnazione, il vomito o l’emigrazione.
Eppure Elvira, Patrizia, Daniela, Mariolina, Elisa sono nate e cresciute in questa terra. L’hanno percorsa in lungo e in largo, sulle sgangherate strade provinciali, ogni mattina per dieci anni tra un incarico e una supplenza, a tappare i buchi dell’inarrestabile sfacelo della scuola pubblica italiana.
Ma ora non c’è più spazio per loro. La Gelmini e il suo governo Berlusconi hanno già deciso: della scuola si può anche far a meno.
Per acquistare i cacciabombardieri F-35, per finanziare le spese militari, gli abusi edilizi e le cementificazioni selvagge, le privatizzazioni degli utili e le nazionalizzazioni delle perdite, da qualche parte si dovrà pur tagliare!
E allora finiamola di sperperare soldi per insegnare ai nostri figli il sapere: le veline ed i tronisti, il razzismo e l’ignoranza, la menzogna e la corruzione sono le coordinate inculturali nelle quali devono muoversi. A cosa serve allora annoiarli con Socrate o Manzoni? Continua a leggere

Pubblicità


E se fossero gli operai ad aprire il fuoco contro uomini, donne e bambini, cosa direbbero lor signori?
agosto 28, 2009, 12:07 PM
Filed under: Uncategorized

Da ormai troppo tempo, nella piana di San Nicola di Melfi aleggia il fantasma della lotta di classe, quel fantasma di un passato che agita il sonno dorato dei dirigenti d’azienda che solo pochi anni fà decisero di aprire un’isola di toyotismo nelle campagne del meridione, nella speranza di far leva sulla disperazione e il ricatto della disoccupazione per trovare braccia docili e rassegnate allo sfruttamento e all’oppresione.
E’ durato poco il mito della fabbrica integrata: dalla rivolta dei 21 giorni della primavera del 2004 gli operai hanno imparato a non chinare il capo e da allora è stato un susseguirsi di mobilitazioni. Continua a leggere



Esercito israeliano attacca una nave di pacifisti, sequestra 21 attivisti per i diritti umani, confisca medicinali e giocattoli
luglio 1, 2009, 11:55 PM
Filed under: Uncategorized

[a 23 miglia dalla costa di Gaza, ore 15:30pm] – Oggi le Forze di
Occupazione Israeliane hanno attaccato e abbordato la barca dell Free Gaza
Movement , SPIRIT OF HUMANITY, sequestrando 21 attivisti per i diritti
umani da 11 nazioni, incluso il Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire e
la ex Membro del Congresso USA Cynthia McKinney.
I passeggeri e l’equipaggio sono stati tratti forzatamente verso Israele.

“Questa è una oltraggiosa violazione delle leggi internazionali, contro di
noi. La nostra barca non si trovava in acque territoriali Israeliane, e noi
eravamo in missione umanitaria verso la Striscia di Gaza” ha detto Cynthia
McKinney, ex membro del Congresso USA e candidata alla Presidenza. “Il
Presidente Obama ha appena detto ad Israel di lasciar passare materiale
umanitario e per la ricostruzione, e questo era esattamente cosa cercavamo
di fare. Chiediamo alla comunità internazionale di chiedere il nostro
rilascio così possiamo continuare il nostro viaggio.” Continua a leggere



IL G8 A L’AQUILA TRA ECCEZIONALITA’, DEMOCRAZIA E PROFANAZIONE
giugno 28, 2009, 4:12 PM
Filed under: Uncategorized

Il rilancio dello stato d’eccezione: il g8

Il prossimo G8 si terrà a L’Aquila e per chi è cresciuto sulle barricate di Genova non può resistere al “richiamo della foresta”.
La profonda crisi del sistema neoliberista, il crollo delle sue fragili impalcature impiantate nei flussi della finanziarizzazione, mostrano la ragionevolezza delle denunce e delle istanze ormai decennali del movimento dei movimenti.
La scelta di L’Aquila per il vertice G8 nasce proprio con l’ignobile intento di utilizzare il dramma dei terremotati come fonte di rilegittimazione di quel rito cerimoniale di ostentazione del potere globale, all’interno dello spazio “pieno” dello stato di eccezione in vigore nel contesto aquilano.
L’obiettivo fin troppo evidente è occultare la crisi e l’insostenibilità dei paradigmi dominanti, riposizionando la sfida in uno degli spazi più impregnati di quello stato d’eccezione permanente nel quale la pienezza del potere appare nella sua forma elementare e fondativa, Continua a leggere



khaled è morto
giugno 22, 2009, 1:44 PM
Filed under: Uncategorized

E’ morto stanotte per infarto, Khaled Hussein, un anziano palestinese di ormai 79 anni richiuso da 14 anni nelle carcere italiane per scontare una condanna all’ergastolo per il sequestro della Achille Lauro.
E’ morto in una cella del braccio speciale del carcere di Benevento, una sorta di piccola “Guantanamo” nella quale sono reclusi tutti i detenuti in Italia per il reati di matrice islamica.
In questo reparto E.I.V. (Elevato Indice di Vigilanza), i detenuti hanno le finestre sigillate da lastre di plexiglass che non permettono non solo di guardare all’esterno, ma anche il necessario ricambio di aria.
Il torrido caldo di questi giorni deve essere stato fatale per il cuore già malandato di Khaled: da anni sofferente, come certificato clinicamente, di seri problemi di salute, non gli è mai stato permesso di curarsi adeguatamente.
Per questo è opportuno parlare di un assassinio di stato, perchè Khaled è morto per la lentezza della burocrazia penitenziaria e la cecità del tribunale di soverveglianza: da mesi il suo legale aveva chiesto un permesso di pochi giorni per motivi di salute, per permettergli di poter usufruire delle cure mediche di cui necessitava.
pochi mesì fà l’ho incontrato per l’ultima volta in carcere e mi ha lasciato quell’incontro un profondo senso di tristezza e indignazione, perchè un anziano di 79 anni non può vivere e morire in quelle condizioni.



Roma, martedì 16 giugno ore 12 piazza Montecitorio PRESIDIO DEI TERREMOTATI AQUILANI
giugno 14, 2009, 7:11 PM
Filed under: Uncategorized

Forti e gentili si, fessi no!

Sit-in con i Comitati dei Cittadini terremotati, sfollati e accampati saremo tutti davanti il Parlamento dove stanno decidendo il nostro futuro!

· 100% ricostruzione – non siamo terremotati di serie B!

Questo Parlamento deve garantirci la riparazione di tutti i danni, così come promesso nei proclami televisivi. Contributi che coprano il 100% dei danni effettivamente subiti non solo da tutte le case, ma anche dalle attività produttive, culturali, etc.. non un centesimo più non un centesimo di meno. Finanziamenti in tempi certi e a fondo perduto. Ora servono soldi non giochi di prestigio. Continua a leggere



controvertice G8 ministri interni a Roma: il 30 maggio tutti a Roma!
Maggio 24, 2009, 12:14 PM
Filed under: Uncategorized

Intolleranti al razzismo
Per abbattere muri e frontiere.
Per una cittadinanza globale

Nabruka Mimuni, questo è il nome della donna che si è tolta la vita nella notte tra il 6 e il 7 maggio nel lager di Ponte Galeria, alle porte di Roma. 227, le persone delle quali non conosciamo il nome né la sorte respinte verso la Libia nella stessa notte, inaugurando la linea dura del ministro Maroni sui respingimenti in mare. Inutile parlare di diritti umani inviolabili, illusorio appellarsi a una qualche convenzione internazionale, Continua a leggere



a Poggio Picenze si stà bene.
Maggio 24, 2009, 12:10 PM
Filed under: Uncategorized

23 maggio 2009 – 21.16 A Poggio Picenze si sta bene

A Poggio Picenze si sta bene, se non consideriamo la temperatura esterna intorno ai 30° e quella interna alle tende certamente superiore. Stanno bene specialmente gli anziani, magari malati e stanchi. Alcuni erano talmente stanchi che hanno preferito morire. Ma Francesco ha fiducia e mi dice: “Tanto domani arrivano i condizionatori”. I condizionatori il giorno dopo Continua a leggere



L’Aquila: al via la campagna 100% ricostruzione, trasparenza, partecipazione
Maggio 17, 2009, 4:06 PM
Filed under: Uncategorized

– 100% Ricostruzione: Perché siano garantiti i contributi a fondo perduto necessari a riparare il 100% dei danni in tempi certi e rapidi. Non un centesimo di più, non un centesimo di meno, senza arricchimenti indebiti e con finanziamento diretto ai cittadini.
Fuori dalle tende! A tutti gli sfollati che non potranno rientrare subito nelle proprie case devono essere garantiti entro settembre dignitosi alloggi temporanei da rimuovere al termine della fase di ricostruzione.

– 100% Trasparenza: Perché tutte le spese, i finanziamenti, gli appalti, gli atti e i procedimenti vengano pubblicati, aggiornati e resi immediatamente accessibili tramite i siti internet degli enti responsabili.

– 100% Partecipazione: Perché tutte le scelte durante l’emergenza e la ricostruzione siano tempestivamente comunicate e discusse con le comunità dei cittadini prima che vengano assunte, evitando la politica del fatto compiuto.
Ai cittadini deve essere riconsciuto il ruolo di protagonisti delle scelte adottate affinché il diritto al lavoro, alla salute, all’ambiente e alla libertà di movimento dentro e fuori i campi tenda siano pienamente garantiti.

per info: http://www.100x100aq.org/



lotte contro il Carovita: martedì 28 aprile presidio al tribunale per l’appello (3 anni di carcere in primo grado)!
aprile 26, 2009, 5:52 PM
Filed under: Uncategorized

OGGI COME IERI: NOI NON PAGHEREMO LA VOSTRA CRISI

Martedì 28 aprile si terrà l’udienza di appello, per i fatti dell’ipercoop di Afragola.
Nel 2004 dinanzi alla difficoltà effettiva di precari, disoccupati, casalinghe e lavoratori di “arrivare alla quarta settimana”, se non addirittura alla “terza”, a causa del caro-prezzi e dei bassi redditi, i movimenti sociali della Campania ed i sindacati di base organizzarono una campagna contro il caro vita e per il diritto al reddito, insieme ad altre reti e movimenti a livello nazionale, dando vita ai “Comitati per la quarta settimana”.
Circa 300 persone tra precari, disoccupati, famiglie, studenti, lavoratori, realizzarono un’iniziativa all’Ipercoop di Afragola per denunciare il caro prezzi e rivendicare l’accesso ai beni di prima necessità. Sebbene non se parlasse ancora si iniziavano ad avvertire i primi effetti di una crisi che si cercava di nascondere, proprio attraverso un’impennata dei prezzi che come sempre va a colpire quei settori delle masse popolari e lavoratrici più deboli e subalterne.
Dopo una lunga trattativa svoltasi pacificamente e di concerto con la direzione dell’ipermercato, i movimenti ottennero la possibilità di distribuire gratuitamente alle persone presenti alcuni kg. di pasta e di pelati, Continua a leggere