AltroSud, il Blog/Shock di Francesco Caruso, scosse di defribillazione scritta per far riprendere i cuori a battere e le menti a pensare


L’ipocrisia dei proiettili vaganti

Ancora una volta un giovane manifestante viene ucciso in piazza dalla polizia e, guarda caso, anche in Grecia rispunta il vecchio ritornello della pallottola vagante, deviata o rimbalzata. Forse in Grecia non è molto diffuso, ma qui in Italia conosciamo purtroppo fin troppo bene questo vecchio sotterfugio dietro il quale si cerca di celare le responsabilità, l’ipocrisia e l’impunità della polizia.
La pallottola che ha ucciso Alexis è fin troppo banalmente simile a quella che uccise Carlo Giuliani: anche Carlo ebbe semplicemente la sfortuna di ritrovarsi nella traiettoria di una pallottola sparata in aria ma che intercettò un calcinaccio in volo, per poi conficcarsi nella testa di Carlo.
Carlo e Alexis sono morti allo stesso modo, ma non si tratta di coincidenze storiche, ma di analoghe bugie e falsità.
La storia dei movimenti è da sempre costellata dall’ipocria delle pallottole vaganti sparate dalla polizia su giovani manifestanti: così sono morti Luca Rossi, Francesco Lorusso, Giorgiana Masi negli anni settanta e così ancora si continua a morire nella cosiddetta civile e democratica Europa.
Ma se la prima volta la storia si presenta come una tragedia, la seconda volta non è altro che una farsa.
E contro questa farsa ribellarsi è necessario.

Annunci

3 commenti so far
Lascia un commento

Se a reclamare i rubinetti si presentassero dei buoni amministratori, troverebbero tappeti rossi davanti a loro.
carlo giuliani o rigocomecavolosichiamava non rappresentavano dei buoni amministratori.
Il ché in effetti non é una colpa.
Lo é il raccogliere e lanciare oggetti contro chi é pagato per assicurarsi che nessun eroinomane o cannato si avvicini ai rubinetti.
Poi, non capisco cosa ti faccia pensare che saresti in grado di proporre una situazione migliore, ma forse qui andiamo un po´troppo sul confuciano.
Mi piace quello che fai, se non ci fossi, bisognerebbe inventarti.

Commento di kizoushaidan

Intanto sta all’Hotel, visto che ha censurato due commenti in uno dei quali mi chiedevo come fosse possibile per alcuni entrare a Gaza via mare, ed invece per i palestinesi sia impossibile organizzare anche una zattera di salvataggio per fuggire via mare… ma evidentemente il nostro, non ha nessuna risposta a questo quesito, se non fare della banale demagogia.

Commento di Laura

ci sono due articoli a riguardo che sono molto simili, controlla di non aver confuso l´uno con l´altro, perché ho visto il tuo commento.

Commento di kizoushaidan




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: